Start a new group Find groups

LOGIN

×

Dazi, la (finta) tregua è finita. Trump scuote di nuovo i mercati

Dopo un breve periodo di silenzio, Donald Trump è tornato a scatenare la tempesta riguardo ai rapporti con la Cina. Da Washington sono infatti partite nuove minacce di dazi, che hanno riacceso in modo pesante la tensione sul fronte commerciale.

Torna la tensione sui dazi commerciali

daziLa tensione sui dazi commerciali era stata congelata dopo che entrambe le parti avevano concordato di esplorare modi per migliorare le relazioni bilaterali. Ma la pazienza di Trump adesso si è esaurita e il presidente si è detto intenzionato ad aumentare dal 10 al 25% le tariffe su 200 miliardi di dollari di beni importati dalla Cina. Inoltre ha minacciato di inasprire ulteriormente le tariffe su tutto il resto delle importazioni dalla Repubblica popolare asiatica, per un valore di USD 267 miliardi. Le nuove tariffe dovrebbero partire dal 1° gennaio 2019, se il governo cinese non farà concessioni all’imminente vertice G20 in programma il 30 novembre a Buenos Aires. Trump ha detto che il prossimo round di tariffe potrebbe anche essere collocato su laptop e iPhone di Apple Inc importati dalla Cina, che fanno parte di quella lista di 267 miliardi di dollari di merci non ancora colpite dalle tariffe.

Le ripercussioni sui mercati

Dopo questa nuova uscita del presidente americano sul fronte dei dazi commerciali, il dollaro si è apprezzato contro la maggior parte delle valute emergenti. Tuttavia i prezzi del petrolio più bassi hanno offerto un po' di tregua ai principali importatori di greggio come l'India e l'Indonesia. Lo yuan si è invece deprezzato: la coppia USD/CNY è infatti salita a 6.9463 (e si manifestano Pattern harami forex bullish bearish), con un rialzo tutto sommato ancora contenuto.

Suggerimento: se vi interessa fare investimenti online sulle valute, scegliete sempre una piattaforma forex migliore italiana sicura.

Come detto, i mercati finora non hanno reagito granché. Probabilmente gli investitori credono che sia troppo presto per tirare delle conclusioni, e che dal G20 potrebbero comunque usicre novità interesanti. Sia lo CNY che lo CNH rimangono stabili, suggerendo per ora pressioni circoscritte.

Previous comments...
Europe
America
Asia
Africa
Oceania
  • Europe
  • France
  • Hungary
  • Italy
  • Deutschland
  • România
  • España
  • Portugal
  • Greece
  • United Kingdom
  • Ireland
  • Serbia (Cyrillic)
  • Serbia (Latin)
  • Serbo-Croatian
  • Bosnian
  • Montenegrin (Latin)
  • Russia
  • USA
  • Brasil
  • Ecuador
  • Chile
  • Argentina
  • Indonesia
  • 中国
  • South Africa
  • Australia
  • New Zealand
×
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more