Start a new group Find groups

LOGIN

×

Politica industriale Europea, ecco le sfide per il prossimo futuro

La politica industriale della UE sarà uno degli argomenti che i capi di Stato e di Governo europei affronteranno in questi giorni. Il prossimo 21-22 marzo infatti è in programma un vertice a Bruxelles.

Le sfide della politica industriale della UE

In vista di questo appuntamento, il Centro europeo di strategia politica (organismo della Commissione europea) ha preparato un documento strategico per affrontare le prossime sfide della politica industriale europea. E' un documento di una ventina di pagine dove si parla di concorrenza internazionale, di innovazione, passando per le difese commerciali. E soprattutto, viene lanciata l'ipotesi di creare un nuovo fondo sovrano europeo.

ue politica industrialeRiguardo al tema della concorrenza internazionale, il Centro europeo di strategia politica evidenzia una certa preoccupazione di fronte alla minaccia cinese. Pechino sta spostando effettivamente gli equilibri del libero mercato, perché le aziende cinesi hanno un vantaggio incredibile dalle economia di scala, godono di una forte protezione nei loro mercati, e spesso beneficiano di sussidi generosi che gli consente di produrre anche sotto costo, approfittando in molti casi della tecnologia occidentale utilizzata da produttori americani o europei che si sono insediati nel paese asiatico.

Sfruttare le economie di scala

La ricetta del Centro europeo di strategia politica punta sul completamento del mercato unico per trarre maggiori vantaggi dalle economie di scala. Bisognerebbe altresì usare il volano comunitario per finanziare ricerca e sviluppo nei settori più innovativi. Ma servirebbe pure una strategia di difesa della propria politica industriale, attraverso il controllo degli investimenti provenienti da Paesi terzi.

Il fondo sovrano europeo

La politica industriale della UE potrebbe poi sfruttare anche un fondo sovrano europeo, con partecipazioni in tanti paesi del mondo per favorire l'acquisizione di conoscenze tecnologiche, vantaggi competitivi, aziende strategiche. Ciò vale soprattutto per quelle catene produttive da cui oggi l'industria europea è esclusa.

Un passaggio interessante riguarda poi la Belt and road initiative, ovvero la nuova Via della seta. Secondo l'organismo comunitario, spesso il governo cinese non illustra adeguatamente le aziende che costruiscono le infrastrutture, e la concorrenza distorta che le caratterizza. “L'Europa deve essere più strategica nel preparare il suo futuro e meno ingenua nell'affrontare la concorrenza sleale”.

Added by helena ricci on 18 Mar 2019 at 10:05 AM | Comments (0)
| |
Previous comments...
Europe
America
Asia
Africa
Oceania
  • Europe
  • France
  • Hungary
  • Italy
  • Deutschland
  • România
  • España
  • Portugal
  • Greece
  • United Kingdom
  • Ireland
  • Serbia (Cyrillic)
  • Serbia (Latin)
  • Serbo-Croatian
  • Bosnian
  • Montenegrin (Latin)
  • Russia
  • USA
  • Brasil
  • Ecuador
  • Chile
  • Argentina
  • Indonesia
  • 中国
  • South Africa
  • Australia
  • New Zealand
×
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more