Start a new group Find groups

LOGIN

×

dollaro

Proposals
Posts
Groups

Proposals

There are no proposals with this tag yet

Posts

Dollaro di nuovo tonico, l'index ai massimi di una settimana

L'indice del dollaro, che misura l'andamento del biglietto verde contro un paniere di sei valute principali, ha raggiunto il livello massimo di una settimana. A sostenere il biglietto verde è il suo status di valuta rifugio, mai così ricercate come in questo periodo in cui la tensione USA-Cina è tornata a livelli elevati.

Cosa accade a dollaro ed euro

dollaroEcco spiegato perché l’indice del biglietto verde sale dello 0,13% a 97,695. Va altresì aggiunto che il greenback è stato sorretto dai dati macro che hanno mostrano come l’apertura di nuovi cantieri sia cresciuta oltre le stime ad aprile. Inoltre...(keep reading)

Dollaro di nuovo tonico sulla scia della rinnovata tensione con la Cina

Le rinnovate preoccupazioni di una escalation nel conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina si fanno sentire sui mercati. Il dollaro americano è infatti salito in ampia misura, mentre a farne le spese sono state soprattutto le valute dei mercati emergenti, visto che la tensione spinge gli investitori a cercare un "rifugio sicuro". E il biglietto verde è il migliore di quelli possibili.

Come si può vedere sui migliori siti di trading online autorizzati, il Dollar Index (che misura il biglietto verde contro un paniere di sei valute) è salito dello 0,34% a 95,464, dopo aver toccato anche il massimo di due settimane...(keep reading)

Sterlina britannica in ascesa sul dollaro. Toccati i massimi di una settimana

Ha spinto sull'acceleratore la sterlina britannica, che questo giovedì ha raggiunto un massimo di sette giorni contro il dollaro, mentre gli operatori hanno rafforzato le convinzioni riguardo a su un rialzo dei tassi quest'estate. Tuttavia, l'euforia è stata mitigata subito dalle preoccupazioni che accompagnano l'incontro cruciale sulla Brexit, che ci sarà domani.

La spinta della sterlina britannica

sterlina britannicaDopo un avvio di 2018 abbastanza debole, i dati confermano che l'economia britannica sta mostrando timidi segnali di ripresa. I dati usciti questa settimana dal settore manifatturiero, dalle costruzioni e dei...(keep reading)

Forex: la volatilità del dollaro raggiunge i minimi di quest'anno

I mercati valutari hanno già prezzato a sufficienza sia il probabile rialzo dei tassi da parte della FED che la vittoria della Clinton alle prossime presidenziali USA. Sono queste le due ragioni principali per le quali - sottolinea Bloomberg - nel forex market c'è una volatilità molto ridotta. Anzi, addirittura è scesa al livello più basso di quest'anno (cosa che fa poco piacere a chi vuole guadagnare con le opzioni binarie).

Eventi clou prevedibili incidono sulla volatilità

Del resto ormai gli analisti danno quasi al 70% un rialzo del costo del denaro negli States a dicembre. Da quando se n'è...(keep reading)

Added by helena ricci on 25 Oct 2016 at 10:02 AM | Comments (0)
| |

Forex, dollaro sempre più su. Rialzo dei tassi già a novembre?

Continua a prendere quota il dollaro, che anche oggi guadagna praticamente su tutte le altre valute nel forex market. A spingere verso l'alto la moneta statuinitense è la prospettiva concreta di un rialzo dei tassi da parte della FED. La commissione dell'istituto americano dovrebbe prendere questa decisione a Dicembre, secondo la maggior parte degli analisti.

L'andamento del dollaro nel Forex

La valuta americana guadagna poco terreno sull'euro (anche dalla BCE si attende una possibile svolta restrittiva) ma vola nei confronti della sterlina (dati piattaforma OptionWeb trading online). Il cross Gbp/Usd prosegue infatti il movimento...(keep reading)

Added by helena ricci on 06 Oct 2016 at 01:49 PM | Comments (0)
| |
Tags: forex, bce, dollaro, fed, tassi, euro

Petrolio, scorte USA in calo ma il prezzo del greggio non riesce a salire

C'è stata un'altra giornata intensa per quel che riguarda il mercato del petrolio. Da una parte l'inatteso (positivo) dati sulle scorte USA, ancora in diminuzione contrariamente alle aspettative. Dall'altra però c'è la sensazione sempre più forte che il vertice di Algeri non produrrà alcun effetto sui livelli di produzione.

Il dato USA sul petrolio

Andiamo per ordine. Oggi è giunto il dato riguardante le scorte settimanali statunitensi di greggio. Secondo gli analisti avrebbero dovuto salire di 2,995 milioni dopo il tonfo di 6,2 mln della settimana precedente. E invece il dato del EIA...(keep reading)

Added by helena ricci on 28 Sep 2016 at 06:51 PM | Comments (0)
| |

Valute: va forte lo Yen, dollaro in calo in attesa dello scontro Clinton-Trump

Ha cominciato la settimana ad un ritmo blando, il mercato valutario. Gran parte delle monete si è infatti mossa poco o nulla nei confronti delle altre, ad eccezione dello Yen. La valuta nipponica si è mossa sulla scia delle parole del governatore della Bank of Japan, Kuroda. Il numero uno della BoJ ha annunciato che farà tutto quello che occorre per centrare l'obiettivo inflazione al 2%. Il che significa che potrebbe esserci un incremento della politica monetaria espansiva.

Ad ogni modo, la valuta nipponica è l'unica che ha fatto la voce grossa guadagnando terreno su tutti. Nel forex market (può guardare...(keep reading)

Added by helena ricci on 26 Sep 2016 at 12:41 PM | Comments (0)
| |
Tags: forex, valute, dollaro, yen

Fed, altro cambio di direzione: il rialzo dei tassi torna di nuovo lontano

L'instabilità continua a farla da padrona sui mercati finanziari. Gli investitori ancora non hanno compreso quali sono le mosse che gli istituti centrali hanno in mente per dare una svolta e alimentare la crescita. Al momento sembra che non abbiano grandi soluzioni, e che tutti dipenda soprattutto da quello che vuole fare la FED.

fed-dollaroIn questo momento, infatti, è proprio in quella direzione che guardano tutti. C'è attesa per sapere se il prossimo 20-21 settembre, in occasione del meeting della Federal Reserve, arriverà una mossa di rottura oppure un altro rinvio al futuro. Parliamo in special modo della vicenda del...(keep reading)

Added by helena ricci on 12 Sep 2016 at 10:47 PM | Comments (0)
| |

USA, i dati del lavoro rinviano il rialzo dei tassi. Ma il dollaro tiene

Il popolo degli investitori attendeva con ansia i dati riguardanti il Non Farm Payrolls, ovvero l'occupazione non agricola negli USA. Avrebbe dovuto dare la scossa definitiva all'ipotesi di rialzo dei tassi. Così non è stato, anzi. Le previsioni sono state disattese perché i dati macro sono stati molto deludenti. L'economia americana ha creato 151mila nuovi posti di lavoro, di fronte a un dato atteso di 180mila. Il tasso di disoccupazione, previsto in calo dello 0,1%, è rimasto fermo a 4,9%.

Un inisieme di dati che spinge a rivedere l'ipotesi su un imminente rialzo dei tassi. A questo punto è molto...(keep reading)

Added by helena ricci on 03 Sep 2016 at 12:26 PM | Comments (0)
| |
Tags: forex, dollaro, fed, tassi

Dollaro ancora ballerino a causa delle incertezze provocate dalla FED

Il dollaro continua a ballare sui numeri e sui grafici. L'andamento del cross con l'euro risente molto della situazione che si è venuta a creare con la FED riguardo ai tassi di interesse. Una situazione che può essere presa come "case-study" per comprendere quanto l'analisi fondamentale possa essere importante per formulare delle previsioni sui movimenti di un cross valutario.

Partiamo proprio dall'esame visivo della situazione, sfruttando il conto per le opzioni binarie OptionFair. Se osserviamo il grafico, emerge chiaramente un movimento alquanto incostante.

Questi movimenti del dollaro si possono comprendere...(keep reading)

Added by helena ricci on 01 Sep 2016 at 03:05 PM | Comments (0)
| |

Quanto è lontana Bretton Woods...

Sono lontani i tempi di Bretton Woods, quando le esigenze di politica monetaria spingevano a trovare accordi e non a creare problemi. Oggi invece è un macello valutario, che nell'Eurozona si è tradotto in un macello di gestione politico-economica.  

Bretton Woods era una piccola località situata nello Stato del New Hampshire, circondata dalla Foresta Nazionale delle White Mountains. Qui nel Mount Washington Hotel, nel 1944 si svolse la Conferenza che fu il primo seme verso l'unione Europea.

Gli accordi di Bretton Woods

Venne deciso di adottare un sistema di regolazione dei cambi internazionali, che di fatto è rimasto in piedi fino al 1971, quando venne...(keep reading)

Added by helena ricci on 06 Aug 2016 at 02:59 PM | Comments (0)
| |

Groups

There are no groups with this tag

Europe
America
Asia
Africa
Oceania
  • Europe
  • France
  • Hungary
  • Italy
  • Deutschland
  • România
  • España
  • Portugal
  • Greece
  • United Kingdom
  • Ireland
  • Serbia (Cyrillic)
  • Serbia (Latin)
  • Serbo-Croatian
  • Bosnian
  • Montenegrin (Latin)
  • Russia
  • USA
  • Brasil
  • Ecuador
  • Chile
  • Argentina
  • Indonesia
  • 中国
  • South Africa
  • Australia
  • New Zealand
×
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more